• Welcome to Cavallo Planet - Forum Per gli appassionati di equitazione inglese e americana... e di cavalli..

La questione Barbero.

Aperto da raffaele de martinis, Gennaio 29, 2022, 12:54:22 PM

« precedente - successivo »

raffaele de martinis

In questi giorni si sta svolgendo la curiosa liturgia che dovrà portarci al nuovo Presidente della Repubblica.
Si parla di un capo dello stato donna... da come è andata colla Casellati, pare, che le donne siano le peggiori nemiche delle donne, ma mi fermo subito, financo il Premio Nobel Parisi ci capisce nulla della politica itagliana, figurarsi io!

Voglio evidenziare la Questione Barbero a favore di voi ragasse: cognoscere, compregnere, entrare in atione.


http://www.cavalloplanet.it/index.php?topic=1751.msg169759#msg169759
modestamente: [email protected]

raffaele de martinis

Per un momento c'ho creduto: vuoi vedere che questo emerito Chinghmecher ci riescie?
Cartabia, Severino, Belloni... prendetene una a caso... dai!

E invece?



Per ora non c'è scampo... eppure, ostinatamente continuo a credere che una società basata sui "valori femminili", sulla figura materna sarebbe auspicabile, utopia?

Forse.
modestamente: [email protected]

raffaele de martinis

#2
Putin non è un pazzo sconsiderato, è semplicemente un homo sapiens alfa con l'aggressività di un cro-magnon con a disposizione caccia e missili micidiali... per non parlar di bombe atomiche.
In altre parole: l'evoluzione tecnologica umana non coincide con quella biologica.

... eppure, ostinatamente continuo a credere che una società basata sui "valori femminili", sulla figura materna sarebbe auspicabile, utopia? Forse.

Gli accadimenti in corso mi fanno ritornare sull'argomento, ed elimino definitivamente il forse sostituendolo con un si.

Ebbene si, √® un'utopia: la societ√† umana basata sui valori femminili √® impossibile, questo non vuol dire che le donne non possano prendere il potere, lo hanno gi√† fatto e lo faranno ancora, ma dovranno farlo imponendosi con comportamenti maschilisti, dovranno essere pi√Ļ realiste del re.
Cio√® pi√Ļ fetenti e infami degli uomini, oltre le gi√† citate Thacher e Merkel, ricordate Golda Meier? Fu lei (ebrea) a stabilire che non sarebbero pi√Ļ stati accolti in Israele, gli ebrei vecchi o malati provenienti dall'est europeo.
E che dire di Indira Ghandi?
Scaten√≤ una violentissima e sanguinosa repressione contro l'etnia sikh, oltre a massacrare migliaia di persone, fece distruggere il loro Tempio Maggiore che √® come radere al suolo San Pietro per i cattolici o buttar gi√Ļ a cannonate il muro del pianto per gli ebrei, ragion per cui fu fu assassinata da due delle sue guardie del corpo che le scaricarono addosso almeno una trentina di pallottole da distanza ravvicinata.

Immaginiamo una società governata solo da donne, sarebbe un incubo: ne abbiamo un esempio mitologico, ma probabilmente basato su riscontri storici le amazzoni, appunto: https://www.worldhistory.org/trans/it/1-10355/amazzoni/#:~:text=Definizione&text=Nella%20mitologia%20greca%2C%20le%20Amazzoni,con%20il%20nome%20di%20Themiskyra.

e un altro reale, riscontrabile presso dei mammiferi sociali dove vige il matriarcato spinto alle massime conseguenze, quello delle jene: https://fabristol.wordpress.com/2009/10/25/androginie-2/

Mi hanno colpito due cose:

  • il fatto che le dispute gerarchiche tra femmine siano molto cruente e che a volte sfocino nell'uccisione di una delle contendenti con conseguenti atti di cannibalismo mai riscontrati nelle competizioni in societ√† dominate dai maschi,
  • e che il pene e lo pseudo pene di questi mammiferi possano essere eretti a comando ed esibiti come segno di sottomissione, perfetta sintesi del capovolgimento valoriale in una societ√† femminista.
[/font]


modestamente: [email protected]

raffaele de martinis

#3
Care ragasse, loso loso cosa state penzando: da che mondo √® mondo esiste anche il matriarcato, sia nelle societ√† umane che in quelle animala come quelle  degli elefanti, dei lemuri, delle balene e delle orche per non ciacolar di quelle degli insetti.
Ma noi, da freddi etologi minchiarum, analiziamo i risultati le evidenze.
Dal punto di vista evolutivo, l'organizzazione degli insetti sociali, una specie di "comunismo matriarcale", si è dimostrato vinceente dato che api, formiche e termiti esistevano già quando su questo pianeta "arrivarono" i dinosauri, coi quali hanno convissuto per alcuni miglioni d'anni, indi li hanno "seppelliti" e sicuramente seppelliranno anche noi.
Il matriarcato nei mammiferi sociali somiglia molto a un gineceo autogestito nel quale il ruolo dei maschi è deputato quasi esclusivaamente alla riproduzione.
Il matriarcato umano, forse la prima forma di organizzazione sociale dell'homo sapiens, si è estinto, è sopravvissuto solo in alcune popolazioni primitive ed è finito in un "cul de sac" come una curiosa eccentricità.
Viceversa il patriarcato, ha prodotto Aristotile, Leonardo, Mozart, Einstein, ma anche Cesare, Napoleone, Hitler e Putin.
Malgrado ciò, o forse grazie a tutto questo, l'umanità è in viaggio verso Marte 150 anni dopo che i F/lli Wrait fecero volare il loro accrocco di legno e tela per un paio di km.

Come ho detto, non entro nel meritio, mi limito a fotografare la realtà... può darsi che tutto sto progresso tennologico sia il male assoluto ma quì entriamo nella politica, nella filosofia.
Per l'evoluzione, il modello patriarcale che - come ben sappiamo - è praticato anche dalle donne, è stato vincente.

Detto questo posso affrontare la parte pi√Ļ interessante





modestamente: [email protected]