• Welcome to Cavallo Planet - Forum Per gli appassionati di equitazione inglese e americana... e di cavalli..

La "Parola Contraria": la mia.

Aperto da raffaele de martinis, Aprile 24, 2013, 02:32:51 AM

« precedente - successivo »

raffaele de martinis


In linea di massima, possiamo definire l' equitazione: 
la tecnica e l'arte di governare la forza e  l'energia
del cavallo; per farlo ‚Äď a parte l'indole
dell'animale ‚Äď dobbiamo tener conto di due elementi :
  la "forza" o "azione muscolare" e il peso del cavallo .




Dunque, è necessario che peso e la forza convergano
verso il medesimo scopo e che agiscano in maniera
coordinata tra di loro.Essendo la massa di per sé inerte,
i suoi spostamenti sono subordinati alla dinamica
muscolare dell'animale: pertanto il suo giusto uso
darà come risultato la corretta ripartizione del peso
del cavallo.


Per completare il mio pensiero, aggiungo
che la nostra sarà una buona Equitazione dal
momento in cui sapremo coniugare con perfetta
armonia l'impulso con l'addestramento, dunque
con l'elasticit√† articolare e muscolare del  cavallo .
             

Considerata in un modo generale, l'equitazione è
l'artedi governare le forze muscolari del cavallo.
Questa definizione trova la sua giustificazione
nelle considerazioni che seguono.
La forza - altrimenti detta l'azione muscolare -
e il peso propri del cavallo sono i due elementi
utilizzati per governarlo, fatta riserva della parte
da assegnare in questo caso al morale dell'animale.

√ą dunque necessario che la forza e il peso
convergano verso uno stesso scopo, procedendo
d'accordo. Ma, essendo la massa di per se
stessa inerte, le sue traslazioni sono
subordinate alla forza, da cui risulta che il buon
impiego di quest'ultima darà la buona distribuzione
del peso. E' così che si giustifica la definizione
che ho dato dell'arte equestre.

E, per completare la dimostrazione,aggiungerò
che noi saremo padroni di governare la forza o,
se si vuole, le potenze muscolari, dal momento
in cui avremo saputo sposare intimamente
l'impulso con l'elastica flessibilità delle molle.
modestamente: [email protected]

raffaele de martinis

Solo dopo aver raggiunto tale risultato, il cavaliere potr√† tenere  il suo cavallo dritto e bilanciato  tra le gambe.

A questo punto,  se il cavaliere aumentasse leggermente l'impulso senza lasciare andare  in avanti il cavallo, avrebbe la singolare sensazione di sentir passare dolcemente sotto di lui delle onde...delle  ondate piacevoli e leggere.

Se questo accade si è raggiunto il livello dell'Alta Scuola Equestre.

             
Soltanto allora il cavaliere potrà mettere il cavallo dritto nella bilancia dei talloni.

Arrivato a tal punto, se il cavaliere provoca un leggero  aumentod'impulso e non lascia che la massa vi ceda, sentir√† come delle ondulazioni, somiglianti ad una superficie d'acqua che scorre sotto il suo assetto.

Là si trova lo scopo che converrebbe raggiungere se fosse l'equitazione sapiente ad esser presa in considerazione.
modestamente: [email protected]

max

Citazione da: raffaele de martinis - Agosto 06, 2013, 03:39:47 AM
A questo punto, se il cavaliere aumentasse leggermente l'impulso senza lasciare andare in avanti il cavallo

E' tecnicamente sbagliato, probabilmente frutto dei tuoi tentativi pratici. Questa volta √® correttissimo Angioni: "senza che la massa vi ceda" rende molto bene la "messa in mano" che, a differenza di quello che dici tu, non necessita affatto di impedire al cavallo di avanzare (tutt'altro!!!), ma solo di evitare che lo sforzo propulsivo modifichi l'atteggiamento, la postura, perdendo la messa in mano. Allora √® la schiena a muoversi di pi√Ļ e si sentono le ondulazioni.

Al massimo potrei tradurlo così:
A questo punto, se il cavaliere aumentasse leggermente l'impulso senza perdere la messa in mano, avrebbe la singolare sensazione di sentir passare dolcemente sotto di lui delle onde...delle  ondate piacevoli e leggere.
Quel pochissimo che sapete vi impedisce di capire quel moltissimo che non conoscete.

raffaele de martinis

#123
Arrivé à ce point, si le cavalier provoque une légère augmentation d'impulsion et ne laisse la masse y céder, il ressentira comme des ondulations, semblables à une nappe d'eau passant sous son assiette.
             
A questo punto, se il cavaliere aumenta leggermente l'impulso e non vi lascia cedere la massa, sentir√†  come se sotto di lui passassero delle onde.

Questa è una traduzione alla lettera ma umana.

Io ho detto e ripetuto che la mia traduzione vuol essere popolare: -
il Generale aveva idee confuse riguardo la fisica e la matematica, lui quando dice massa si riferisce al peso del lallo alla sua massa inerziale facendo confusione, in effetti il Nostro, in quella descrizione, si riferisce allo:

Effet d'ensemble : Action simultanée et coordonnée des aides de propulsion et de retenue effectuée avec délicatesse afin de rassembler le cheval, encore appelée action d'ensemble.

Sono stato immaginifico - delle onde...delle  ondate piacevoli e leggere. - perch√© sono sensationi provate, specialmente al galoppo in discesa di mano e di gambe...che un lallo in discesa di mano non perda la messa in mano √ßa va sans dire.

Comunque il colonnello dovrebbe sapere/fategli sapere che le ondulazioni, somiglianti ad una superficie d'acqua che scorre si dicono: -  onde.

ondulation (n.) increspatura, ondulazione, moto ondoso, onde, cenno, onda, piccola onda


Comunque grazie per la segnalatione, per me era scontato, metterò una nota.
modestamente: [email protected]

milla

Ragazzi scusate ma non avete capito nulla,le onde d'acqua che scorrono non sono altro che....PIPI',trattasi di cavaliere incontinente!


Perdonatemi ma non ho potuto trattenermi.

alex

La nuda Verità è una donna difficile da amare. L'illusione invece è una donna seducente, amorevole, a cui è facilissimo restare fedeli.

raffaele de martinis

#126
Da notare che il Generale nella sua stesura non usa scorrere ma passare ed io sia nella traduzione letterale che in quella libera ho reso fedelmente, perché un'onda non scorre, appunto.

Infatti scorrere pu√≤ dare l'idea di una minzione incontrollata mentre √® pi√Ļ difficile associare : un'onda, un'ondata al bisognino che in effetti non passa - scorre, appunto.

Angioni, ci dice che delle ondulazioni, somiglianti ad una superficie d'acqua che scorre sotto il suo assetto, lui non ha capito quello che ha tradotto, infatti ha reso - in un raro ma inopportunissimo attacco di libert√† traduciva  :icon_eek:passant con scorre. dando adito alla immagine dell'escrezione urinaria a cavallo che tanto ci sollazza.
modestamente: [email protected]

raffaele de martinis

#127
Prendo il tomo pubblicato da Angioni, lo faccio scorrere forte poi fermo ad una pagina qualsiasi e vedo se c'è qualcosa di divertente, questa è la mia "settimana enigmistica" dell'estate 2013; ecco il sollazzo di oggi, a sinistra c'è una mia traduzione alla lettera a destra la traduzione di Angioni:

Il successo aumenta quando il cavallo sembra costretto e forzato all'obbedienza e si esibisce in movimenti straordinari e innaturali.             
Il successo cresce se il cavallo sembra costretto, forzato all'obbedienza, se produce movimenti fuori natura, sopratutto contro natura.

Cari amici e care amicie, vi prego: non fate commenti, ci possono esser degli infanti che ci leggono e certamente il buon colonello non voleva essere cochon.




modestamente: [email protected]

raffaele de martinis

Mia traduzione libera.

La conformation, et aussi le caract√®re du cavalier, la nature propre √† chaque cheval, demandent fr√©quemment, dans l'emploi des moyens, des temp√©raments ou des modifications que le savoir et l'exp√©rience du ma√ģtre peuvent seuls lui faire saisir.
             
L'istruttore - forte della sua competenza e dalla sua esperienza - dovrà saper opportunamente adattare e modificare i metodi in relazione alla struttura fisica e al carattere del cavaliere e all'indole e alla sensibilità del cavallo.

Traduzione di Angioni:

La conformation, et aussi le caract√®re du cavalier, la nature propre √† chaque cheval, demandent fr√©quemment, dans l'emploi des moyens, des temp√©raments ou des modifications que le savoir et l'exp√©rience du ma√ģtre peuvent seuls lui faire saisir.
              La conformazione,e anche il carattere del cavaliere, la natura propria di ciascun cavallo richiedono frequentemente,nell'impiego dei mezzi,dei TEMPERAMENTI o modifiche che soltanto il sapere e l'esperienza del maestro gli possono far scegliere.

Mia traduzione alla lettera:
La conformation, et aussi le caract√®re du cavalier, la nature propre √† chaque cheval, demandent fr√©quemment, dans l'emploi des moyens, des temp√©raments ou des modifications que le savoir et l'exp√©rience du ma√ģtre peuvent seuls lui faire saisir.             
Spesso, durante l'impiego dei metodi, il maestro - guidato dalla conoscenza e dall'esperienza - deve fare delle correzionii o delle modifiche a seconda del carattere e della struttura fisica del cavaliere e dell'indole del cavallo.

Il nostro simpatico colonnello, di fronte a "temperamenti" rimane perplesso, fa una ricerca e ci propina una nota dal Devoto Oli:

Temperamenti: modi d'agire - mescolanza di pi√Ļ elementi in giusta proporzione.
:icon_eek: :icon_eek: :icon_eek: :icon_eek: :icon_eek:

...è evidente che Angioni - ma anche la generosa persona: dottoressa Chiummo - non capiscono quello che stanno traducendo perché temperamenti è la sostantivazione del verbo temperare che nel nostro caso vuol dire:

temperare [dal lat. temperare, der. di tempus -ŏris "tempo"] (io t√®mpero o t√®mpro, ecc.). - ■ v. tr. 1. [correggere qualcosa con l'aggiunta di altra cosa che mitighi ci√≤ che vi √® in essa d'eccessivo, con la prep.

Dunque il Generale in questo caso intende: correzioni o se vogliamo: aggiustamenti, affinamenti, adattamente ecc.

Son certo, con queste segnalationi, di fare cosa gradita alla Medaglia d'Oro Olimpica, così - se vorrà se vorranno - potrà/potranno apporre le dovute corretioni al cabolavoro di L'Hotte.
modestamente: [email protected]

raffaele de martinis

Cos'√® un bacio ? Un puntino rosa che si mette sulla "i" del verbo amare.  :icon_eek: :icon_eek:

Per mio sollazzo ho voluto tradurre alla lettera il famoso brano di Rostand, guardate il risultato !
Il celeberrimo apostrofo rosa si è perso e la lirica è piena di nonsense, tutto per restare fedele parola per parolaall'originale.
Ecco perch√© il traduttore √® autore, non pu√≤ essere un programma automatico da computer, deve entrare nello spirito dell'opera, coglierne le sfumature e le atmosfere, nel caso di testi tecnici deve avere una profonda conoscenza diretta di ci√≤ che tratta e versarlo nella lingua di arrivo nella maniera pi√Ļ semplice possibile.
Non per niente esistono una quarantina di differenti traduzioni di Madame Bovary in italiano.
Per ora gustatevi il Cyrano, poi continuo il discorso per chi di dovere.

Questa è la mia traduzione fedele alla lettera del brano di Rostand:


Un baisier, mais à tout prendre, qu'est-ce ?
Un serment fait d'un peu plus près, une promesse
Plus précise, un aveu qui veut se confirmer,
Un point rose qu'on met sur l'i duverbe aimer ;
C'est un secret qui prend la bouche pour oreille,
Un instant d'infini qui fait un bruit d'abeille,
Une communication ayant un go√Ľt de fleur,
Une façon d'un peu se respirer le coeur,
Et d'un peu se go√Ľter, au bord des l√®vres, l'√Ęme !

             
Un bacio, ma, tutto sommato, che cosa è?
Un giuramento fatto un po 'pi√Ļ vicino, una promessa
Pi√Ļ precisamente, una ammissione che si vuole confermare,
Un punto rosa che si mette sulla "i" del verbo aimer;
E' un segreto che prende la bocca per l'orecchio,
Un istante di infinito che f√†  il rumore di un ape.
Una comunicazione avente un gusto di fiore,
Un modo per respirarsi un p√≤ il  cuore,
E di un pò gustarsi a bordo di labbra, l'anima!

Ecco a confronto la traduzione letterale con quella libera che tutti conosciamo.

Un bacio, ma, tutto sommato, che cosa è?
Un giuramento fatto un po 'pi√Ļ vicino, una promessa
Pi√Ļ precisamente, una ammissione che si vuole confermare,
Un punto rosa che si mette sulla "i" del verbo aimer;
E' un segreto che prende la bocca per l'orecchio,
Un istante di infinito che f√†  il rumore di un ape
Una comunicazione avente un gusto di fiore,
Un modo per respirarsi un p√≤ il  cuore,
E di un pò gustarsi a bordo di labbra, l'anima!
             
Ma poi che cosa è un bacio? Un giuramento fatto |
un poco pi√Ļ da presso, un pi√Ļ preciso patto, |
una connessione che sigillar si vuole, |
un apostrofo roseo messo tra le parole
| t'amo; un segreto detto sulla bocca, un istante |
d'infinito che ha il fruscio di un'ape tra le piante, |
una comunione che ha gusto di fiore, |
un mezzo di potersi respirare un po' il cuore, |
e assaporarsi l'anima a fior di labbra!
modestamente: [email protected]

alex

"Temperamento di mano" l'ho trovato in Rosselmini, in un contesto (non ho fatto ricerche) che chiaramente suggeriva che si trattasse di "alleggerimento". Se mi fosse mai venuta la pazza idea di fare una "traduzione magistrale" di qualcosa (nella mia attivit√† di traduttore mi sono sempre limitato, invece, a una traduzione in brutta copia di cosa mai tradotte, giusto per condividere il contenuto del testo, pi√Ļ o meno, con chi non conosce la lingua) quel "temperaments" non mi avrebbe imbrogliato.
La nuda Verità è una donna difficile da amare. L'illusione invece è una donna seducente, amorevole, a cui è facilissimo restare fedeli.

milla

E come l'avresti tradotto per rendere il concetto comprensibile a tutti?

raffaele de martinis

#132
Montale, Calvino, Pavese, Sciascia, Ungaretti, Gadda, Eco sono i primi nomi che mi vengono a mente quando penso ai grandi traduttori italiani, mi è rimasta in mente una frase di Eco a proposito della traduzione, cito a memoria: tradurre non vuol dire tradurre da parola a parola ma da mondo a mondo.
Eco interveniva nella mai risolta quistione: traduttore-traditore, dunque, secondo me ha importanza relativa l'uso di un sinonimo piuttosto che un altro...attenzione, o detto sinonimo.

"Temperamento di mano", vuol dire moderamentidi mano nel senso di moderare: far si che il lallo vada giusto, un p√≤ coe il clima che quando √® temperato sappiamo che √® moderatamente caldo e moderatamente  freddo, il clima giusto, appunto.
Da cui il moderatore tiv√¨ che ha il compito di trattenere gli ospiti pi√Ļ sgarbati e di sollecitare i persoaggi pi√Ļ soporiferi, appunto.

Questi termini appena citati sono perfetti sinonimi della significatione originale: correggere-correzione.
modestamente: [email protected]

alex

Se temperamento di mano significa questo.... allora sia apre un ampio campo di attività nella traduzione da italiano a italiano; e parlo seriamente.
La nuda Verità è una donna difficile da amare. L'illusione invece è una donna seducente, amorevole, a cui è facilissimo restare fedeli.

raffaele de martinis

...e seriamente ti rispondo.

Rosselmini parla la lingua italiana del 700, andrebbe tradotta...questo è Rosselmini, traduci:

Vi sono Cavalli dotati di maggior snodatura degli altri, l√† dove l'osso humero[/b] incastra nell'incavo della paletta, e l'osso della coscia in quello della cariola; e per√≤ in questi la gamba d'avanti formata in colonna, √® capace di maggiore inclinazione, e quella di dietro ha maggiore attivit√† di spingnere in avanti l'ondulazione del peso della macchina, perch√® possa fare pi√Ļ camino di quello che comporta tutta l'esenzione sua...
modestamente: [email protected]