Benvenuto! Effettua l'accesso oppure registrati.
Hai perso l'e-mail di attivazione?

Nome utente: Password:

Autore Topic: Cambio d'angolo e altre storie  (Letto 301 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

max

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschio
  • Post: 1994
Cambio d'angolo e altre storie
« il: Dicembre 26, 2018, 07:28:18 pm »

Posto questo per curiosità e condividere un'esperienza.

Per non annoiarmi, prendo a marzo di quest'anno (2018) questa cavallina di 6 anni - di cui non vi sto a dire la storia - curioso di vedere come sarebbe andato l'addestramento e la questione "piedi" poiché, tra le altre cose, erano parecchi mesi che non gli veniva rinnovata l'ultima ferratura: passettini corti, atterraggio di punta, misura dei piedi decisamente troppo piccola ed un generale atteggiamento "contratto", come se io venissi costretto per troppo tempo a camminare con scarpe strette e tacchi a spillo...

Allora sferro, convinto che si trattasse solo di dare il tempo al piede di "respirare" e allargarsi, specie dietro dove la lacuna mediana era la classica sottile, profonda e dolorante fessura... e invece ad aprile ecco spuntare anche un nuovo angolo della muraglia... e pure bello accentuato! Se avessi fatto le lastre nella compravendita, sarebbe risultata una bella rotazione mi sa!

La prima foto l'ho fatta a maggio, il cambio d'angolo era già sceso un poco:

Connesso
Quel pochissimo che sapete vi impedisce di capire quel moltissimo che non conoscete.

max

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschio
  • Post: 1994
Re:Cambio d'angolo e altre storie
« Risposta #1 il: Dicembre 26, 2018, 07:29:13 pm »

Poi a giugno:

Connesso
Quel pochissimo che sapete vi impedisce di capire quel moltissimo che non conoscete.

max

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschio
  • Post: 1994
Re:Cambio d'angolo e altre storie
« Risposta #2 il: Dicembre 26, 2018, 07:30:26 pm »

A luglio:

Connesso
Quel pochissimo che sapete vi impedisce di capire quel moltissimo che non conoscete.

max

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschio
  • Post: 1994
Re:Cambio d'angolo e altre storie
« Risposta #3 il: Dicembre 26, 2018, 07:32:33 pm »

E via così, scendendo fino a sparire verso ottobre:

Connesso
Quel pochissimo che sapete vi impedisce di capire quel moltissimo che non conoscete.

max

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschio
  • Post: 1994
Re:Cambio d'angolo e altre storie
« Risposta #4 il: Dicembre 26, 2018, 07:42:42 pm »

Se la parete anteriore ha fatto il suo show durante questo anno, la parte posteriore non è stata da meno e ha presentato e presenta delle curiosità che però non sono ancora giunte a "maturazione"... son qua che osservo e aspetto curioso che il processo si compia, più che altro per capire per certo di cosa si è trattato e poter dire: "dietro invece è successo questo", anche se ho già delle idee...
Connesso
Quel pochissimo che sapete vi impedisce di capire quel moltissimo che non conoscete.

Luna di Primavera

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Sesso: Femmina
  • Post: 3884
  • Sdomo
Re:Cambio d'angolo e altre storie
« Risposta #5 il: Dicembre 26, 2018, 08:15:26 pm »

Anche io, per motivi che non sto a raccontare nel dettaglio ma comunque della serie "ultima spiaggia", ho sferrato il cavallo a luglio. Ha patito per un mesetto, poi meglio, adesso sta bene. In effetti la forma del piede è cambiata molto e non ho ancora capito una cosa fondamentale. Cambia perché il piede è libero di crescere come gli pare, e ciò è un bene, o cambia perché il piede è libero di crescere come gli pare e ciò è male?
Ossia: la ferratura era fatta male per tutto 'sto tempo, oppure correggeva dei difetti del cavallo, che ora invece si esprimono?
La persona che mi segue il pareggio ha cassato il lavoro del suo predecessore, tuttavia dice anche che ora che il piede è in buono stato (come forma e come materiale) si comincerà a correggere "alcune cosine" per rendere il cavallo più performante. Quindi io sono un po' disorientata. Che la qualità dell'unghia sia migliorata non ho dubbi, ma staremo andando nella direzione giusta? Boh. Il cavallo non lo sto montando e comunque anche montandolo ci faccio talmente poco che magari può restare scalzo. Sempre che tenerlo scalzo sia la cosa giusta per lui. È questo che ancora non riesco a capire.
Connesso
I cavalli davanti mordono, dietro scalciano e in mezzo sono scomodi.
I. Fleming

rhox

  • Conoscenza equestre a 360 gradi
  • Global Moderator
  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Post: 4185
  • la sferrata più ferrata che c'è
Re:Cambio d'angolo e altre storie
« Risposta #6 il: Dicembre 26, 2018, 09:00:20 pm »

Dipende dal cavallo e da come era messo prima. Per esperienza fino ad ora non ho visto cavalli andare male per il cambio forma del piede, ma magari peggiorare perché sono venute fuori delle magagne che prima erano nascoste..
Tendenzialmente è come per noi quando mettiamo le scarpe nuove e stiamo scomodi o la sera ci fanno male i piedi, poi le adattiamo consumandole. Il ferro non consente di farle "comode", ma tiene il piede come lo impostiamo noi. In alcuni casi può essere consigliato se ben fatto, nella media se ben fatto è accettabile e in alcuni casi è deleterio.
però se non serve perché quello che chiediamo non rende necessario il ferro, perché "rischiare"?
Connesso
Il miglior modo per rispettare il cavallo è rispettare te stesso

rhox

  • Conoscenza equestre a 360 gradi
  • Global Moderator
  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Post: 4185
  • la sferrata più ferrata che c'è
Re:Cambio d'angolo e altre storie
« Risposta #7 il: Dicembre 26, 2018, 09:03:07 pm »

Se la parete anteriore ha fatto il suo show durante questo anno, la parte posteriore non è stata da meno e ha presentato e presenta delle curiosità che però non sono ancora giunte a "maturazione"... son qua che osservo e aspetto curioso che il processo si compia, più che altro per capire per certo di cosa si è trattato e poter dire: "dietro invece è successo questo", anche se ho già delle idee...

Il percorso degli anteriori bene o male ricalca l'andamento tipico.. Tantissimi cavalli sferrati cambiano l'angolo della muraglia.
quello che è sempre poco considerato è cosa succede dietro, perché spesso è meno palese. Ma per quello che ho visto io quando dietro cambiano sono molto più corposi e veloci rispetto a davanti. Con un sacco di sorprese sugli appiombi
Connesso
Il miglior modo per rispettare il cavallo è rispettare te stesso

max

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschio
  • Post: 1994
Re:Cambio d'angolo e altre storie
« Risposta #8 il: Dicembre 27, 2018, 09:36:21 am »

Chi l'aveva ferrata aveva -certamente- cercato di correggere gli appiombi.

I ferri tolti eran sagomati in maniera assai bizzarra tanto che il maniscalco che me l'ha gentilmente scalzata (io non ho il levachiodi) si è impressionato anche lui. La cavallina è leggermente mancina e falcia un po' (tendenza abbastanza tipica dei lusitani da quel che vedo) e la voglia di correggere questa cosa capisco sia assai forte per chiunque.

Praticamente al centro di ciascun anteriore c'era una setola (con le classiche tacche fatte dallo sconosciuto maniscalco). Mano a mano che il tempo passava e i piedi ricrescevano, le setole (oltre che scendere e quindi sparire) si sono spostate di lato di un bel paio di centimetri, segno che quello, col senno di poi, non era il vero centro del piede.

Dunque oltre che il resto, sussistevano pure forze di torsione. Erano forze buone?!?! Se lo fossero state, la cavallina non sarebbe stata contratta al punto di essere un fascio di nervi all'altezza delle spalle (e questo ok magari lo notavo solo io) ma non avrebbe nemmeno avuto le setole, o camminato con passettini più corti dei miei ; )

Aimè ora che guardo, non ho foto delle setole all'inizio : ( quindi dovete fidarvi... arrivavano fin quasi in corona ed erano praticamente al centro.

La prima foto da davanti è già di giugno ed era già scesa e spostata, la seconda di ottobre: piedi ricresciuti e setole sparite.






Per Rhox: la parte dietro (glomi, fettone, cartilagine) se non posso dire sia ancora contratta come all'inizio (una piccola evoluzione c'è stata), la definirei più come... "dormiente"... come dire... non vuole decidersi a "sbocciare" : D
Connesso
Quel pochissimo che sapete vi impedisce di capire quel moltissimo che non conoscete.

cilla

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Sesso: Femmina
  • Post: 1413
  • Sdomo
Re:Cambio d'angolo e altre storie
« Risposta #9 il: Dicembre 27, 2018, 11:47:53 am »

Anche i miei, tutti e 3, hanno drasticamente cambiato angolo di inclinazione. Nella mia esperienza la parte posteriore ci mette più tempo e a volte va un po' aiutata. Se la cavalla fosse la mia proverei ad arretrare un cicinin il breakover
Connesso

cilla

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Sesso: Femmina
  • Post: 1413
  • Sdomo
Re:Cambio d'angolo e altre storie
« Risposta #10 il: Dicembre 27, 2018, 12:10:15 pm »

Ah una cosa che è successa a due cavalli su tre è stato un cambio totale del fettone, è venuto via in un pezzo solo (mi ha fatto anche un po' senso!) e sotto c'era già quello nuovo.

@Luna io mi sono fatta l'idea che il cambiamento della forma sia un miglioramento generalmente, a parte piccole correzioni di pareggio fatte in base agli appiombi/ movimento del cavallo, io credo che la nuova inclinazione sia quella corretta. Non ho mai frequentato maniscalchi veri, qui più che altro girano appiccicaferri, ma ho visto che tutti hanno sempre dato un'inclinazione standard
Connesso

max

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschio
  • Post: 1994
Re:Cambio d'angolo e altre storie
« Risposta #11 il: Dicembre 27, 2018, 03:44:28 pm »

Si, la situazione del fettone è proprio quella. Viene via e si rigenera ma quello nuovo non è mai definitivo. Si rigenera sfaldato e debole. Ormai siamo già al terzo, mano a mano la lacuna centrale sembra essere meno profonda ma x il resto la vedo ancora lunga.

Sul breakover, ok ma non vedo il nesso nell'aiutare la parte posteriore : /

La bestia comunque a meno di prendere un sasso cammina e lavora. Anche perché x me il da farsi sta per metà in quella che potremmo definire "rieducazione motoria".
Connesso
Quel pochissimo che sapete vi impedisce di capire quel moltissimo che non conoscete.

cilla

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Sesso: Femmina
  • Post: 1413
  • Sdomo
Re:Cambio d'angolo e altre storie
« Risposta #12 il: Dicembre 27, 2018, 09:11:21 pm »

Il mio cavallo mostrava sensibilità, arretrando il breakover è andato meglio da subito. Probabilmente in conseguenza di ciò si muoveva più volentieri ed ho notato un grosso miglioramento anche della parte posteriore del piede. per il fettone hai provato comunque ad aiutarla con qualche ciclo di integratore per gli zoccoli? Io li ho trovati utili durante il periodo della transizione. I glomi ti sembrano meno contratti man mano che cambia i fettoni?
Connesso

rhox

  • Conoscenza equestre a 360 gradi
  • Global Moderator
  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Post: 4185
  • la sferrata più ferrata che c'è
Re:Cambio d'angolo e altre storie
« Risposta #13 il: Dicembre 27, 2018, 10:42:51 pm »

Beh, meno di 1 anno per il cambio della parte posteriore ci può stare. Soprattutto se la situazione non era felice.
Soprattutto in base al terreno le mie hanno cambiato il piede bene o male nel corso del tempo e delle stagioni.

Poi fino a che non hai un gran fettone spesso i talloni faticano ad aprirsi. E se non si aprono il fettone fatica. Devi trovare uno stimolo per cambiare la situazione, che sia il movimento, il terreno o il pareggio.

Sull'arretrare il breakover serve finché il piede lo consente, se il retro non è pronto puoi fare un dispetto al cavallo. Da valutare se farlo man mano per stimolare tanto o poco
Connesso
Il miglior modo per rispettare il cavallo è rispettare te stesso

max

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschio
  • Post: 1994
Re:Cambio d'angolo e altre storie
« Risposta #14 il: Dicembre 28, 2018, 10:28:29 am »

Difatti faccio pochissimo se non niente, più che altro sto a guardare.

All'inizio del cambio d'angolo le evitavo il più possibile l'effetto leva sulla punta, strategia che potete chiamare come volete, ma ormai la muraglia davanti è a posto e toccare lì (a parte tenerli curati con un profilo arrotondato) non le giova di molto, anzi.

Anche la suola: mai toccata e si è inspessita, lo si nota ai bordi del fettone.

I talloni (e lacune mediane) sono già più larghi rispetto all'inizio... quello che pare mancare è proprio solo il fettone in mezzo : / o meglio, quando sto col piede in mano a pensare, mi da l'idea che tutto il retro del piede (glomi, cartilagini) debba "aprirsi" e aprendosi lasci poi spazio a un vero fettone che ora non riesce a generarsi... facendo sparire anche quella lacuna mediana così sottile e schiacciata.

Solo che non sta avvenendo come mi immaginavo che avvenisse, ed è curioso. E più che altro la situescion sembra in stallo...

In genere sto a guardare un piede lasciandolo com'è e facendomi domande, senza toccarlo, anche se la situazione parrebbe da manuale, fino ad essere davvero convinto, allora prendo gli strumenti e tocco. Facendo così son sempre riuscito ad avere cavalli che camminano e che migliorano. Forse e dico forse, riguardando le foto, per accelerare la faccenda mi sono convinto di una cosa... oggi vado a riguardare dal vivo e se trovo conferma provo... una "banalità" ma, appunto, devo essere convinto... devo "vedere" ciò che sarà, non so se mi spiego.
Connesso
Quel pochissimo che sapete vi impedisce di capire quel moltissimo che non conoscete.