Benvenuto! Effettua l'accesso oppure registrati.
Hai perso l'e-mail di attivazione?

Nome utente: Password:

Autore Topic: L'incudine volante.  (Letto 235 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

raffaele de martinis

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Post: 5957
L'incudine volante.
« il: Gennaio 11, 2019, 04:50:01 am »

Sapevo della "incudine" nelle borse delle donne... avete mai sollevato la borsa da viaggio della vostra sposa, della vostra compagna? Ecco!

Ma non sapevo che l'incudine potesse volare: http://www.flyinganvil-fondation.ch/en/forging-a-new-future-women-in-farriery/

non c'è più religione, vediamo delle bonazze martellare furiosamente dei ferri roventi; delle gnoccone tenere il piede di lalli da otto tonnellate senza fare un bai; delle graziosissime esili fanciulle raspare con vigore i pedi di lalloni da tiro, delle figone piantare allegramente chiodi puntuti nelle unghie di lalli da corsa... pure questo vide la mia fosca pupilla!







Le donne al massimo posson fare le barefutte, tié... ma ve le immagginate, come son ridotte queste poarete dopo due ore di labor al calor della forgia, al battimazza sull'incudine a stretto contatto col lallo, colla puzza addosso di fumo et di sudor et di lallo... ?


Che schifo!  :icon_eek:  :icon_eek:

Uddio,  aita aita... mi sento male...AITAAAAAAAA
« Ultima modifica: Gennaio 11, 2019, 04:52:25 am da raffaele de martinis »
Connesso
modestamente: [email protected]

milla

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Post: 6655
  • Sdomo
Re:L'incudine volante.
« Risposta #1 il: Gennaio 11, 2019, 01:11:29 pm »

Beh se ci sono tante ragaSSe che trovano eccitante montare a cavallo magari ci sono anche altrettanti masculi che trovano eccitante la ragaSSa maniscalca puzzolente  :chewyhorse:
Connesso

raffaele de martinis

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Post: 5957
Re:L'incudine volante.
« Risposta #2 il: Gennaio 11, 2019, 01:48:07 pm »

Cara milla, il tuo affetionatissimo, è un buongustaio, ma ha preferito chiuder elegantemente così:

Uddio,  aita aita... mi sento male...AITAAAAAAAA

Forse avresti preferito che dettagliassi nei particolari la descritione del mio "malore"?

Io non ho ploblemi, posso farlo, ma temo che turberei alcune ragasse del foro educate - ahiloro - nel convento delle Orsoline.
Connesso
modestamente: [email protected]

milla

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Post: 6655
  • Sdomo
Re:L'incudine volante.
« Risposta #3 il: Gennaio 11, 2019, 04:26:26 pm »

Io ho studiato a Santa Maria degli Angeli e poi dai Padri Scolopi è valido?  :chewyhorse:
Connesso

alex

  • Gran trascrittore d'opere d'altri tempi
  • Coordinatore di Progetto
  • Hero Member
  • **
  • Offline Offline
  • Post: 8760
Re:L'incudine volante.
« Risposta #4 il: Gennaio 11, 2019, 11:04:24 pm »

In Austria si toccano i piedi del cavallo solo dopo regolare abilitazione professionale; e se uno vuole dedicarsi al cavallo scalzo, fatti suoi, ma l'esame di abilitazione comprende anche il lavoro alla forgia.
Connesso
La nuda Verità è una donna difficile da amare. L'illusione invece è una donna seducente, amorevole, a cui è facilissimo restare fedeli.

raffaele de martinis

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Post: 5957
Re:L'incudine volante.
« Risposta #5 il: Gennaio 11, 2019, 11:07:19 pm »

Cara milla, le tue referenze sono ottime, conosco bene i santi Padri specialmente quelli di CHIAVARI - RAPALLO - SESTRI LEVANTE




Quindi non ti scandalizzerai se cito "Profumo di donna" il bellissimo film di Risi interpretato da uno strapitoso Gassman nella parte del vecchio militare cieco.
E' la dimostrazione dell'importanza dell'olfatto nella comunicazione erotico-sensuale.
Dall'altro canto, il vecchi adagio recita: "l'ommo adda puzzà" ovviamente non era riferito alla mancanza di igiene, ma alla naturalezza maschile.

Il rilascio dei ferormoni tramite il sudore è cossa nota, infatti, quando giuocavo al calcio o a tennis, provavo un certo disagio - al primo impatto - ad entrar nei nostri spogliatoi per l'odore evidentemente maschile che aleggiava, mentre, l'afrore delle ascelle non depilate di Assuntina, provocavano un immediato subbuglio nei miei ormoni postadolescienziali, per non parlar del profumo/sapore di "mandorla amara" della pelle della mia prima fidanzatina.

Ormai, nell'epoca dei profumi e deodoranti, delle depilazioni feroci, delle sopracciglie ad ala, della tartaruga sullo stomaco et del frenetico uso del bidet, questo non vale più, i maschi curano il loro corpo più delle femmine... non giudico, prendo atto.

Però c'è un metro infallibile che mi fa dire - senza tema di esser smentito - che l'importanza degli odori del corrpo umano sono sempre là a dimostrare, se ce ne fosse bisogno, la nostra animalità, il metro è quello della pubblicità, i pubblicitari non investono centinaia di migliaia di euri a caso, lo fanno sopratutto per toccare i nostri più reconditi anfratti, per sollecitare i nostri istinti primari, appunto.




https://www.youtube.com/watch?v=Oh_CquNa3l4
Connesso
modestamente: [email protected]

raffaele de martinis

  • Hero Member
  • ****
  • Offline Offline
  • Post: 5957
Re:L'incudine volante.
« Risposta #6 il: Gennaio 12, 2019, 06:20:37 pm »

Chiarite - almeno in parte - le curiosità erotico odorose riguardanti il sottoscritto, passo al tema del topico: l'incudine volante: http://www.flyinganvil-fondation.ch/en/forging-a-new-future-women-in-farriery/

Questa nobbile assosciescion di marca scandinava, si propone di dare un minimo di nozioni tenniche corrette ai maniscalchi di paesi del 3 et del 4 mondo che ferrano i loro lalli - ovviamente - per paura et per abitudine ma "ad minchiam canem".
Operatione meritoria sopraditutto per i lalli, muli et buoi che continuano, in quele lande, a lavorar.

Domandomi: perché invece di far volare per quele terre un'incudine, tra l'altro oggetto pesantissimo ingombrante e costoso, i nostri barefutti non fanno volare un raspa economica et leggiera verso quei lidi e spiegare a quei paurosi et abitudinari cavallari, mulattieri e bovari che non hanno capito un hazzo, che finora hanno sprecato tempo e soldi a ferrar le loro bestie, mentre sarebbe bastato un corso di un uikend per imparare a barefuttamente pareggiar?

Vedo, però, un solido inconveniente: sarà difficile vender scarpelle a quei poareti, eh già, un treno di quei manufatti costa come due anni di reddito di quei poareti.
Lavorando a quei ritmi et con quei carichi sarebbero necessarie 4 treni di scarpelle all'anno...

Inoltre, a quanto mi consta, non esistono  scarpelle per buoi et muli... le hase costruttrici - chissà perché - non investono in quela diretion.

  :horse-wink:
Connesso
modestamente: [email protected]